Marketing

Marketing questo sconosciuto? Niente si crea, tutto si trasforma.  Nulla nasce dal caso, ma arriva dallo studio approfondito delle tue necessità di business. Se devi raggiungere un certo tipo di clientela, occorre usare il metodo più efficace. Se i tuoi clienti hanno più di settant’anni è inutile parlargli di social network. Meglio puntare su una comunicazione basata sulla stampa. Se il tuo target sono i teenagers, meglio puntare sulle possibilità comunicative degli smartphone e del web. Lascia fare a noi, ce ne intendiamo.

Un ruolo per il marketing

Il marketing può rivolgersi ai consumatori, e in questo caso si parla di marketing B2C, (business to consumer, “dall’impresa al consumatore”), spesso definito semplicemente marketing; oppure, può rivolgersi al mercato delle imprese, e in questo caso prende il nome di marketing industriale o marketing B2B, (business to business, “da impresa a impresa”).

Sono da citare anche il marketing dei servizi (compagnie aeree, catene alberghiere, ecc.) e il marketing istituzionale (fatto cioè da istituzioni). Di significato meno economico è il marketing politico, così come quello che le aziende riservano ai propri dipendenti e che viene comunemente definito, sebbene impropriamente, marketing B2E (business to employee, “da impresa a dipendente”).

Questa attività pertanto può fungere da “interfaccia” tra l’impresa e il contesto esterno (insieme al settore vendite, import/export, pubbliche relazioni e altri), osservandone il comportamento e presidiando, almeno in parte, i flussi informativi uscenti dall’impresa (voluti o non voluti), e incamerando le conoscenze provenienti dall’esterno; tra queste sono compresi i deboli segnali che consentono di comprendere, possibilmente in tempo utile, le modifiche al mercato che si realizzeranno in un prossimo futuro.

L’analisi della posizione competitiva dovrebbe essere diffusa nella direzione delle varie funzioni, ma spesso è lasciata al marketing, che utilizza modelli come le “5 forze di Porter” (teorizzate dal docente universitario statunitense Michael Porter), modelli analitici come la matrice del Boston Consulting Group o le 7S della McKinsey, le ricerche ed indagini di mercato e le segmentazioni del mercato.

Il marketing è inoltre volto alla creazione del valore per il cliente, e uno dei suoi scopi è creare un posizionamento della marca (brand) nella mente del consumatore attraverso tecniche di brand management. Le ultime tendenze sono volte allo studio del marketing esperienziale, che abbraccia la visione del consumo come esperienza, in cui il processo di acquisto si fonde con gli stimoli percettivi, sensoriali ed emozionali.

In ambito sanitario in senso lato, con l’espressione disease-mongering si indica l’utilizzo di particolari strategie di marketing, finalizzate all’introduzione di un protocollo terapeutico o nuove procedure diagnostico/terapeutiche o di un farmaco già pronto o prossimo all’immissione in commercio. Ciò attraverso una opportuna campagna di sensibilizzazione finalizzata all’introduzione di quadri clinici non strettamente patologici, per indurre il consumatore e/o paziente alla ricerca di una soluzione alle sue “presunte” malattie, che lo rendono comunque sofferente, allo scopo di generare nuovi mercati di potenziali pazienti.

I soggetti che normalmente beneficiano dall’utilizzo di queste strategie sono le aziende farmaceutiche, i medici e le loro organizzazioni professionali e quelle dei consumatori, gli oggetti di queste strategie sono i consumatori, gruppi particolari di pazienti o intere classi sociali.

(tratto da W i k i p e d i a)
  • Fare figli senza smettere di lavorare: cosa scelgono i CEO (e le aziende più attente ai nuovi genitori)

    Esiste un vero equilibrio tra vita lavorativa e maternità/paternità? Dalle leggi italiane in materia, alle storie dei CEO americani, questa è la vita delle neo-mamme e dei neo-papà. L'articolo Fare figli senza smettere di lavorare: cosa scelgono i CEO (e le aziende più attente ai nuovi genitori) sembra essere il primo su Ninja Marketing, la piattaforma italiana per la digital economy. […]

  • Apple ha un brevetto “segreto” per usare la tecnologia dei bitcoin

    In piena altalena bitcoin, Apple ha depositato brevetto per un nuovo sistema che usa la blockchain per favorire la sicurezza ed allontanare il rischio frodi L'articolo Apple ha un brevetto “segreto” per usare la tecnologia dei bitcoin sembra essere il primo su Ninja Marketing, la piattaforma italiana per la digital economy. […]

  • Cosa abbiamo condiviso di più su Instagram nel 2017

    Dall’hashtag più utilizzato (#love) alla città più fotografata, dal post con più like al profilo più seguito. Un anno di Instagram in numeri L'articolo Cosa abbiamo condiviso di più su Instagram nel 2017 sembra essere il primo su Ninja Marketing, la piattaforma italiana per la digital economy. […]

  • Week in Social: news importanti dal (macro) mondo di Facebook e non solo

    Week In Social: puntuale come sempre, la rubrica di Ninja Marketing che vi aggiorna su tutte le news dal mondo dei social L'articolo Week in Social: news importanti dal (macro) mondo di Facebook e non solo sembra essere il primo su Ninja Marketing, la piattaforma italiana per la digital economy. […]